Il service permanente e multidistrettuale So.San intende portare aiuti umanitari, prevalentemente di ordine sanitario, dove essi si rendano necessari. La macchina organizzativa provvede ad intervenire sia come supporto a realtà sanitarie esistenti, sia per creare presidi sanitari ove siano carenti, sia per fare formazione di personale. Molto importante è avere referenti territoriali per essere meglio a conoscenza delle necessità locali, avere supporti logistici ed essere, quindi, più incisivi e celeri nell’intervenire. La prima missione in Burkina Faso (2-10 Febbraio 2009) ha avuto carattere esplorativo in uno stato tropicale dell’Africa subsahariana dove la povertà di risorse lo rendono uno dei Paesi più arretrati e sottosviluppati. La popolazione è stimata in 15 milioni, ripartita su una superficie di poco inferiore a quella italiana. La speranza di vita alla nascita è di circa 50 anni, tra le più basse del mondo. La mortalità infantile si attesta sul 92 per mille. La diffusione di gravi malattie endemiche e l’inesistenza di strutture sanitarie rendono la vita molto precaria. In particolare la malaria e l’Aids sono vere emergenze sanitarie, a cui il paese non è in grado di reagire.