Secondo Onu e Croce Rossa Internazionale il catastrofico terremoto di Haiti del 12 gennaio 2010 ha coinvolto più di 3 milioni di persone. Il team So.San è stato impegnato dal 12/03 al 06/04 a Léogane, 130.000 abitanti, epicentro del sisma con il 90% delle costruzioni distrutte, 1/3 della popolazione morta sotto le macerie e il più alto numero di feriti con fratture invalidanti e arti amputati, specie tra donne e lattanti. Il team era composto dall’ortopedico-traumatologo e responsabile sanitario Manlio Leonardi, dal medico di pronto soccorso Chiara Scarsi, da Luigi Stradella ostetrico-ginecologo, Salvatore Pellegrini e Luigia Pettirossi infermieri professionali, Loredana Boschetti ostetrica e Marina Moll, team leader. Al lavoro operatorio sono seguite visite, medicazioni, terapia medica e rieducazione, attività ambulatoriale di base e specialistica. Una decina di mesi dopo il sisma, 1,3 milioni di persone vivevano ancora in 1.300 campi con un alto tasso di vulnerabilità sanitaria, specie per il rischio colera. Con la 2° missione (9– 17 novembre 2011), dopo una raccolta fondi su scala nazionale, si è provveduto alla spedizione di protesi e alla formazione di tecnici ortopedici locali.

Documenti correlati